I contributi previdenziali pagati dal professionista vengono sottratti dal reddito complessivo (che puó comprendere altri redditi oltre a quello professionale) secondo il principio di cassa, quindi in base al momento in cui tali contributi sono stati versati. L’ Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n. 17/E del 18 febbraio 2011 chiarisce che il professionista può scegliere il regime più conveniente.

PA/RIS.17e+del+18.02.11i.pdf