La Circolare congiunta, emanata il 25 marzo 2011, da Palazzo Chigi con il Ministero dello Sviluppo economico, chiarisce che nei Comuni che non sono ancora in grado di operare in modalità esclusivamente telematica, fino al 30 settembre 2011, sarà possibile inviare documenti e richieste secondo le tradizionali modalità cartacee.